Non era economico, gli importava

By | октомври 24, 2021

I miei genitori possedevano un bar, e per tutto il tempo che posso ricordare, che aveva circa quattro anni, ho passato del tempo seduto su uno sgabello da bar. La maggior parte dei bambini giocava con i loro amici o con alcuni giocattoli che avevano, io parlavo sempre con estranei e giocavo con scatole di birra.

Questo aveva i suoi vantaggi, ad esempio con l’età avevo un lavoro fisso e ho imparato davvero a parlare con gli adulti. Dovevi sempre essere d’accordo con loro perché non volevi perderli come cliente. Sempre gentile, sempre attento e non dava mai fastidio a nessuno, certo ho imparato a imprecare come un marinaio in tenera età e ho assaggiato la birra quando avevo circa dieci anni.

In questo posto c’erano eroi che erano allo stesso tempo divertenti e tristi. Ho sempre pensato che fosse normale per un ragazzo passare 4 o 5 ore alla fine della giornata lavorativa prima di tornare a casa. Molte volte, da adulto, portavo a casa un tizio ubriaco. Quando l’ho portato a casa, ho capito perché passava così tanto tempo al bar dopo il lavoro, sua moglie era meno felice di vederlo quando veniva lì non perché era ubriaco, semplicemente non le piaceva il ragazzo.

Una delle cose che amavo da bambino era che c’erano sempre soldi in giro. Chiederei a papà un centesimo o un quarto. Avrebbe preso il registratore di cassa e glielo avrebbe consegnato.

Una calda sera d’estate, verso le 17:00, ho chiesto a papà un quarto di dollaro. Presto disse di no. Ho chiesto di nuovo e ha detto di no. Alla fine ho detto „Dai, papà, per favore“.

Non si è arreso. Mi sono arrabbiato quanto poteva l’undicenne e sono passato davanti a quattro clienti che erano seduti sulla curva del bar proprio accanto. All’uscita l’ho chiamato „BOARD“. A quel punto ho capito di essere nei guai.

Stavo cercando di trovare parole che suonassero come „economiche“ che avrei potuto usare per convincerlo che aveva appena sentito male. Poi dovevo trovare un modo per tornare indietro in modo che non mi vedesse. Sfortunatamente, c’era solo una via d’uscita… attraverso il bar.

Dopo aver pedalato per un po’, ho deciso di provare a superare il blocco. Quando sono tornato al bar, il bar era chiuso! Il bar, aperto 364 giorni all’anno, era chiuso! Mio padre ha chiuso a chiave la porta e mi ha fatto bussare. Ho bussato alla porta e si è aperta. Gli ho chiesto di tenere la porta aperta così potevo portare una bicicletta. Si alzò, mi prese per un braccio e mi disse: „Cosa hai detto mentre venivi da qui?“ Gli ho detto che ho detto „economico“.

Ho stretto più forte la mia mano e lui mi ha detto: „Dopo tutti i nichelini, i centesimi e le monetine che ti ho dato, chiamami a buon mercato“. Ho detto: „Mi dispiace, papà“. Poi allentò la presa e mi disse di andare di sopra.

Mio padre si è preso una pausa di circa 7 ore per pranzo e ha fatto un pisolino fino alle 21:00 quando è tornato al lavoro. Verso le 8:30 ho imparato la lezione più grande della mia vita. Mi chiamò nella sua camera da letto e mi fece sedere. Mio padre mi ha detto: „Sai perché ho chiuso la porta del bar dopo che te ne sei andato“. Ho detto no. Mio padre mi ha detto: „Dopo che sei uscito dal bar, i quattro ragazzi che hanno sentito quello che hai detto hanno iniziato a parlare di te e di che bambino ingrato ed egoista sei. Non potevo sopportarlo. Ho dovuto farli uscire. Mi sono solo stufato di sentirli dire così su mio figlio“.

Mio padre ha messo questi ragazzi in mia difesa e per il dolore che sentiva nel suo cuore. Mio padre ha usato la mia stupidità come un momento per insegnarmi che non posso dire nulla che voglio. Inoltre, voleva farmi capire che non importa chi penso che qualcuno ascolti i miei commenti, non importa. Qualcuno ascolta e inizia a sviluppare un’idea di te come persona.

Non ho mai dimenticato questa lezione. Vedi, continuavo a pensare che questi ragazzi avrebbero cavalcato con mio padre su quello che pensavano fosse a buon mercato perché non mi dà un quarto. mi sbagliavo così tanto. Quando guardo questa storia, posso solo pensare a come i bambini oggi parlano con i loro genitori in età più giovane di quanto facessi io quando chiamavo mio padre „a buon mercato“. I bambini non si sono svegliati solo una volta e hanno deciso di essere scortesi con i loro genitori.

Stava accadendo così lentamente che all’inizio era quasi irriconoscibile, ma ora ci chiediamo: „Cosa faremo con questi ragazzi“. Potrei chiamare questo saggio „Economico“ per l’ironia che ho chiamato mio padre a buon mercato di fronte ai suoi clienti quando in realtà non era a buon mercato, e meritatamente mi sono sentito a buon mercato quando mio padre ha finito con me. Anche se stare seduto e parlare con lui oggi è economico come mio padre, qualcuno ha più tempo per questo?

Вашият коментар

Вашият имейл адрес няма да бъде публикуван. Задължителните полета са отбелязани с *